i nostri consigli

Le 10 regole d’oro contro la secchezza vaginale

La secchezza vaginale è un fastidio che colpisce milioni di donne. Durante la menopausa, il calo degli estrogeni fa perdere tonicità ai tessuti della vulva e della vagina rendendoli ancora più esposti a questo problema

La secchezza vaginale è un fastidio che colpisce milioni di donne, ma nessuna deve rassegnarsi alle inevitabili conseguenze: abitudini di vita e prodotti specifici possono significativamente ridurre il disagio.

In menopausa, il calo degli estrogeni fa perdere tonicità ai tessuti della vulva e della vagina rendendoli ancora più esposti.

La sintomatologia si presenta con prurito, bruciore, secchezza e dispareunia. La vulva diventa pallida e asciutta, diminuisce il sottocute e la cute si assotiglia con progressiva diminuzione delle piccole e grandi labbra. L’ostio vaginale e il canale vaginale perdono in elasticità e diminuiscono di calibro, costituendo spesso un ostacolo ai rapporti sessuali.

L’apparato genitale femminile (l’epitelio vaginale, la cervice uterina, l’endocervice, l’endometrio e il miometrio) e quello urinario (il tessuto uroepiteliale), hanno una comune origine embrionaria e sono entrambi sensibili agli stimoli trofici degli estrogeni, per cui quando i tessuti iniziano il processo di invecchiamento ne consegue una significativa riduzione dello spessore cutaneo e del derma, con riduzione del collagene e dell’elasticità che colpisce l’apparato genito-urinario. Tale cronica mancanza, in menopausa, determina una distrofia dei tessuti e la comparsa di sintomi e danni organici, come cistiti ricorrenti, soprattutto perché col tempo si accumulano i danni provocati da infezioni curate male o trascurate e la mucosa vescicale diventa così di anno in anno più suscettibile ai batteri.

Mentre un urotelio (l’epitelio di transizione che viene a contatto con l’urina e riveste l’apparato urinario) sano produce anticorpi e proteine battericide, un urotelio danneggiato è meno efficiente. Lo dicono i numeri: una donna su due va incontro ad almeno un episodio di cistite nella vita e quasi una su tre a più di tre episodi l’anno, nei casi peggiori fino a dodici. La cistite “preferisce” le donne con un’atrofia vulvo-vaginale.

La secchezza vaginale non deve necessariamente far parte dell’invecchiamento. La prevenzione deve essere il più possibile personalizzata, tuttavia, seguendo questi 10 semplici consigli si potrà riuscire a migliorare la propria qualità di vita, salvaguardando e/o recuperando il benessere intimo.

1. Avere l’abitudine a una corretta igiene intima, mediante una detersione adeguata alle caratteristiche delle diverse pazienti. Questo non significa eccedere: la troppa pulizia può alterare l’equilibrio della flora batterica vaginale e aumentare la disidratazione. Inoltre, anche il solo lavaggio con acqua riduce, anche se temporaneamente, il livello di idratazione cutanea. È bene lavarsi quotidianamente, una o due volte al giorno, a seconda delle necessità, utilizzando prodotti per l’igiene delicati, a pH acido, lenitivi, protettivi e reidratanti, come quelli a base di acido ialuronico. Evitare invece detergenti aggressivi, saponi profumati, deodoranti intimi, perché alterano i delicati equilibri dell’area genitale. Anche il movimento con cui si effettua il lavaggio è importante: per evitare contaminazioni anali è consigliabile lavarsi dall’avanti all’indietro. In questo modo si potranno evitare sovrapposizioni batteriche che, su tessuti già meiopragici, cioé con ridotta funzionalità, possono essere molto fastidiose e difficili da curare.

2. Scegliere biancheria adatta, che non stringa, per evitare gli attriti meccanici che potrebbero dare origine a irritazioni. Preferire tessuti naturali, come il cotone, che permettono la traspirazione (l’ambiente caldo umido, al contrario, facilita le infezioni).

3. Lavare gli indumenti con prodotti antiallergici e non profumati, evitando l’uso di ammorbidenti.

4. Ridurre l’utilizzo di salvaslip e tamponi interni. Quando se ne rende necessario l’utilizzo, per diminuire il rischio di possibili irritazioni, è consigliabile cambiarli di frequente e preferire quelli in fibre naturali.

5. Rivolgersi al ginecologo in presenza di fastidi come prurito, infiammazione, bruciore o altro. È consigliabile prendere un appuntamento con il medico quando la secchezza vaginale influenza lo stile di vita, in particolare la vita sessuale e il rapporto con il partner.

6. Alcuni farmaci, come anticoncezionali, antistaminici e antidepressivi, possono causare secchezza vaginale. Il medico saprà dare consigli a questo proposito.

7. Non fumare.

8. Assicurarsi una corretta idratazione bevendo almeno 1,5 litri di acqua al giorno. Evitare le bibite zuccherate e i dolci, che possono facilitare alcune infezioni intime.

9. Evitare le diete troppo drastiche, anche i grassi sono importanti per il normale equilibrio ormonale. La dieta deve essere equilibrata, ricca di fibre. Non dimenticare di mettere a tavola alimenti ricchi di vitamina C (come agrumi, fragole, kiwi) ed E (come cereali, noci e verdure a foglia verde), che hanno preziose proprietà antiossidanti. Sconsigliati cibi speziati, piccanti, salumi, caffè, cioccolata, bibite gassate, fritti e alcol, alimenti che irritano l’apparato urinario e lo rendono più attaccabile dai microrganismi.

10. Effettuare una prevenzione con una terapia locale e regolare a base di acido ialuronico che consente un mantenimento del corretto livello di idratazione vaginale.

 

Dott. Davide De Vita

Responsabile Centro Dolore Pelvico Cronico

PO Santa Maria della Speranza Battipaglia

 

 

 

ARTICOLI IN EVIDENZA

pre e post-menopausa
pre e post-menopausa

La menopausa non è uguale in tutto il mondo

Dott.ssa Domenica Linoci

La menopausa nel mondo occidentale è un argomento molto medicalizzato e gran parte del linguaggio...

Leggi di più

i nostri consigli
i nostri consigli

Secchezza vaginale: un indicatore di salute generale

Dott.ssa Iride Bosi

Un sintomo caratteristico del post-menopausa è la secchezza vaginale Questo disturbo può...

Leggi di più

pre e post-menopausa
pre e post-menopausa

Atrofia vulvo-vaginale (AVV) e qualità di vita della donna

Prof.ssa Gloria Bonaccorsi

La salute vulvo-vaginale è una componente essenziale per una vita attiva e in buona salute anche...

Leggi di più

Privacy Preference Center

Necessary

Cookie collegato al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questo cookies tiene traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

Analytics

_ga
Property Google Analytics.
cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata: 26 mesi
Per le statistiche
90 giorni per il remarketing
L’utente viene considerato un nuovo utente

_gid
Property Google Analytics.
Utilizzato per distinguere in forma anonima gli utenti.

Durata:24 ore

I dati non vengono raccolti

_gat
Property Google Analytics.
cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito.

Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

I dati non vengono raccolti


_gac_
Contiene informazioni relative alla campagna per l’utente. Se hai collegato i tuoi account Google Analytics e AdWords, i tag di conversione del sito web di AdWords leggeranno questo cookie, a meno che tu non disattivi.

Durata:90 minuti

I dati non vengono raccolti


_ga, _gid, _gat,_gac

Privacy Preference Center

Necessary

Cookie collegato al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questo cookies tiene traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

Analytics

_ga
Property Google Analytics.
cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata: 26 mesi
Per le statistiche
90 giorni per il remarketing
L’utente viene considerato un nuovo utente

_gid
Property Google Analytics.
Utilizzato per distinguere in forma anonima gli utenti.

Durata:24 ore

I dati non vengono raccolti

_gat
Property Google Analytics.
cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito.

Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

I dati non vengono raccolti


_gac_
Contiene informazioni relative alla campagna per l’utente. Se hai collegato i tuoi account Google Analytics e AdWords, i tag di conversione del sito web di AdWords leggeranno questo cookie, a meno che tu non disattivi.

Durata:90 minuti

I dati non vengono raccolti


_ga, _gid, _gat,_gac