i nostri consigli

Prevenire le infezioni vaginali: le 8 regole d’oro

Basta seguire tutti i giorni alcune semplici regole per prevenire le infezioni vaginali e per ridurre il rischio di una loro ricomparsa

Le infezioni vaginali sono sempre in agguato. Con 8 semplici regole è possibile prevenirne lo sviluppo e avere cura della salute e dell’equilibrio vaginale.

 

IL TROPPO STROPPIA. Evitare un’eccessiva od ossessiva igiene ed usare saponi e detergenti delicati…va bene l’igiene ma di “umano” bisogna pur sapere. Questo per scongiurare danni alla flora vaginale e modificazioni del pH vaginale, consentendo la protezione contro le infezioni vaginali.

CI VUOLE EQUILIBRIO. Mantenere un corretto equilibrio tra tutte le componenti del nostro corpo è importante per la salute in generale, ricordando che ogni organo ha al suo interno sistemi e meccanismi che controllano l’equilibrio e di cui è fondamentale prendersi cura e proteggere.  Nel caso della vagina, la flora vaginale e i suoi costituenti (principalmente i batteri lattobacilli) giocano un ruolo chiave nel mantenimento dell’equilibrio dell’ambiente vaginale.

DIVIETO DEL “FAI DA TE”. Evitare soluzioni “fai da te” e di prendere libere iniziative per trattare e curare disturbi vaginali. Gli antibiotici e gli antimicotici servono per le infezioni vaginali, ma solo in specifiche situazioni e sempre su indicazione del ginecologo.

DELICATEZZA. I genitali femminili vanno immaginati come una bella “rosa”, da trattare con delicatezza e belle maniere; per cui vanno usati solo saponi e detergenti intimi delicati e non aggressivi.

SESSO AL MOMENTO GIUSTO. Evitare rapporti sessuali fino a quando il problema infettivo o il disturbo vaginale si sia risolto e si sia normalizzata la situazione. Questo per evitare che si verifichi un’iperattività o una contrattura dei muscoli della parte bassa dell’addome (il cosiddetto pavimento pelvico) che rendono poi difficile avere rapporti sessuali anche alla fine dell’infezione o del disturbo  vaginale.

FARE RESPIRARE. Evitare i salvaslip o e utilizzare indumenti intimi delicati e traspiranti, preferibilmente di cotone, permettendo così ai genitali di ”respirare” e di stare in buona salute.

STILI DI VITA SANI. Condurre una vita senza troppi eccessi aiuta la salute in generale. Limitare l’alcool e gli zuccheri; tenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue (glicemia) è particolarmente importante per escludere o diagnosticare il diabete, soprattutto quando ci si trova in una condizione chiamata sindrome metabolica in cui il diabete è una delle manifestazioni che accompagna sovrappeso/obesità, pressione alta e colesterolo alto. Questo perché il diabete o gli elevati livelli di zuccheri nel sangue favoriscono l’insorgenza di infezioni vaginali ricorrenti, in particolare da Candida. A tal proposito, in caso di infezioni ricorrenti da Candida è utile rivolgersi a un gastroenterologo affinché si assicuri che la parete intestinale non presenti alterazioni funzionali che potrebbero favorirne la crescita a livello intestinale e conseguentemente poi a livello vaginale : difatti la Candida può passare facilmente poi dall’ano alla vagina per la loro vicinanza anatomica.

CORREGGERE LA SECCHEZZA. Correggere la secchezza vaginale o vulvare che, oltre a causare spiacevoli fastidi e disturbi che si ripercuotono negativamente sulle attività quotidiane e sulla sessualità, può favorire anche l’insorgenza di infezioni. Oggi sono disponibili varie soluzioni efficaci per idratare correttamente i genitali femminili, dando sollievo ai sintomi fastidiosi della secchezza vaginale e aiutando a ripristinare il corretto equilibrio dell’ambiente vaginale.

 

Dott.ssa Ilaria Dellacasa

Specialista in Ostetricia e Ginecologia

 

 

ARTICOLI IN EVIDENZA

i nostri consigli
i nostri consigli

La sindrome genito-urinaria in menopausa: scopriamo insieme di cosa si

Dott. Pietro Mario Lalli

“Vaginite atrofica”, “atrofia vulvovaginale” e “atrofia urogenitale” Queste erano le...

Leggi di più

pre e post-menopausa
pre e post-menopausa

Lavoro e menopausa, menopausa e lavoro: un rapporto bidirezionale

Dr. Mario Pisani

Scarsa concentrazione, calo della memoria, perdita di fiducia in sé stessa e nelle proprie...

Leggi di più

età fertile
età fertile

Dispareunia: un sintomo comune nel post-partum

Dott.ssa Daniela Caspani

Nel corso dell’età fertile il dolore ai rapporti sessuali, meglio noto come dispareunia, viene...

Leggi di più

Privacy Preference Center

Necessary

Cookie collegato al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questo cookies tiene traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

Analytics

_ga
Property Google Analytics.
cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata: 26 mesi
Per le statistiche
90 giorni per il remarketing
L’utente viene considerato un nuovo utente

_gid
Property Google Analytics.
Utilizzato per distinguere in forma anonima gli utenti.

Durata:24 ore

I dati non vengono raccolti

_gat
Property Google Analytics.
cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito.

Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

I dati non vengono raccolti


_gac_
Contiene informazioni relative alla campagna per l’utente. Se hai collegato i tuoi account Google Analytics e AdWords, i tag di conversione del sito web di AdWords leggeranno questo cookie, a meno che tu non disattivi.

Durata:90 minuti

I dati non vengono raccolti


_ga, _gid, _gat,_gac

Privacy Preference Center

Necessary

Cookie collegato al Regolamento Europeo per la protezione dei dati Personali (GDPR).
Questo cookies tiene traccia delle preferenze sulla Protezione dei dati degli utenti non registrati al sito.

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

Analytics

_ga
Property Google Analytics.
cookie che consente di distinguere i dispositivi, tenere statistiche degli accessi e poi identificare il dispositivo che ha il cookie installato anche in altri siti web per proporre pubblicità in target con gli interessi di navigazione (remarketing)

Durata: 26 mesi
Per le statistiche
90 giorni per il remarketing
L’utente viene considerato un nuovo utente

_gid
Property Google Analytics.
Utilizzato per distinguere in forma anonima gli utenti.

Durata:24 ore

I dati non vengono raccolti

_gat
Property Google Analytics.
cookie che consente di sapere il numero di richieste al sito.

Durata se non cancellato manualmente: 1 minuto

I dati non vengono raccolti


_gac_
Contiene informazioni relative alla campagna per l’utente. Se hai collegato i tuoi account Google Analytics e AdWords, i tag di conversione del sito web di AdWords leggeranno questo cookie, a meno che tu non disattivi.

Durata:90 minuti

I dati non vengono raccolti


_ga, _gid, _gat,_gac